Squadra fondatrice: cofondatore o dipendente? – Iniziare il tuo business #3

Squadra fondatrice: cofondatore o dipendente? Se vuoi avviare la tua prima azienda o scrivere il tuo primo business plan, devi considerare molte cose. A partire dal team fondatore, l’idea al prodotto, il prezzo, i canali di distribuzione, il finanziamento, il personale e molto altro. Una panoramica di tutti gli argomenti. Cosa è veramente essenziale e cosa deve essere considerato?

Squadra fondatrice: persone, competenze e qualifiche

Sono sempre i fondatori che iniziano. Chi vuole iniziare un’attività? Quali conoscenze e qualifiche hai tu stesso per realizzare progetti. È il know-how digitale che ti porta al top, per esempio, nel marketing attraverso i moderni canali di distribuzione, il keyword social advertising, il funnel marketing? Sei il programmatore che può gestire grandi quantità di dati e sa come metterli in nuove forme, parola chiave Big Data? Il commercio di dati è estremamente lucrativo perché si scala rapidamente, ma ne parleremo più avanti. Sei il venditore dell’industria alimentare, quello con 10 anni di esperienza professionale, che porta il proprio prodotto con la propria rete sul mercato?

Le conoscenze e le competenze speciali sono quindi sempre un vantaggio strategico e operativo per i fondatori. Allo stesso tempo, i nostri punti di forza si traducono sempre in debolezze e deficit. Per esempio, qualcuno che è bravo nello sviluppo ha una natura meno esuberante ed eccessivamente sociale, che a sua volta ha spesso bisogno nelle vendite e nella distribuzione, compreso il servizio clienti. Al contrario, l’addetto alle vendite ha le competenze perfette per vendere il prodotto, ma non ha conoscenze di contabilità digitale, e-commerce, progettazione con Photoshop e Illustrator. Di conseguenza, avete bisogno di un buon personale, di buoni impiegati.

Impiegato o co-fondatore?

Questo solleva una delle prime grandi domande che ti accompagneranno costantemente come imprenditore. Chi fa il lavoro? Ci sono costantemente compiti speciali che non possono essere fatti da soli. È per questo che si chiama naturalmente l’elettricista per la lampada, l’imbianchino per la pittura, lo sviluppatore per il software, il servizio di pulizia per uffici puliti o si assumono strutture di vendita esterne come i call center. Le possibilità di outsourcing sono gigantesche.

I dipendenti risparmiano tempo

Dare lavori a dipendenti e freelance ti fa risparmiare tempo. Il tempo è il vostro bene più prezioso. Si può sempre fare più soldi ma mai più tempo. I co-fondatori dell’azienda, d’altra parte, portano sempre con sé un potenziale di rischio. La ragione comune, deve sapere esattamente che la cooperazione funzionerà molto bene e che entrambi i fondatori si completano a vicenda nelle loro competenze e conoscenze. La seconda persona lavora altrettanto intensamente al progetto? In pochissimi casi entrambi i fondatori raggiungono il 100%. Una persona si sentirà sempre svantaggiata. Maggiore è il turnover, maggiori sono i problemi che nascono da questa differenza.

I co-fondatori costano tempo – in alcune circostanze

Soprattutto se il fondatore 1, il fondatore 2 vuole prendere delle quote. Anche se sarebbe giusto perché la persona 1 lavora o ha lavorato 70 ore alla settimana e la persona 2 forse solo 20 ore alla settimana. Il fondatore 1 non fa una vacanza per tre anni, il fondatore 2 vola a sud due volte nel primo anno. Se si è deciso di lavorare insieme allo stesso livello, i disaccordi tra i fondatori avverranno rapidamente. Iniziate la vostra startup con un co-fondatore solo se sapete al 100% che lui o lei si comporterà come vi aspettate. Di regola, si dovrebbe piuttosto contare su dipendenti motivati!

Allora possiedi sempre il 100%.

In sintesi, si può dire quanto segue sul fondatore o sul team di fondazione: i punti di forza personali sono il fondamento. Fede incondizionata e perseveranza, allo stesso tempo realismo e sì anche un po’ di “megalomania” e ingenuità. È una linea sottile tra uomo d’affari o donna d’affari e sognatore, molti si attaccano al sogno e dimenticano il realista. Specialmente in tempi in cui gli affari vanno estremamente bene, bisogna sempre ricordare che domani potrebbe essere diverso. Gli obiettivi devono essere il più grande possibile, ma i passi devono essere realistici e piccoli quanto necessario. La conoscenza di se stessi, dei propri punti di forza ma anche dei propri deficit e la risposta alla domanda (dipendenti) sono estremamente importanti.

Così ora veniamo all’analisi dei vostri punti di forza e di debolezza e al conseguente bilanciamento.

Analisi del tipo per i punti di forza, i deficit e l’equilibrio

Nella vostra analisi, tutte le conoscenze, le abilità, cioè tutti i punti di forza ma anche tutti i deficit e i rischi dovrebbero essere considerati. Una volta che il business è attivo e funzionante, c’è poco tempo per prendere nuove decisioni strategiche. Le misure operative senza orientamenti strategici non sono molto efficaci. Soprattutto quando la “macchina” è in funzione.

I punti di forza devono assolutamente essere usati. Come detto prima, può essere la lunghissima esperienza di lavoro nelle vendite, così come la conoscenza nello sviluppo del software. Le vostre abilità sono le vostre risorse. Il proprio studio di yoga, il video corso di yoga online, lo chef con il proprio negozio online o il tuner di auto per hobby che diventa una star di Youtube. Dalle classiche idee di business, come lo studio di yoga che è necessario in ogni quartiere, ai nuovi concetti come il video marketing, attraverso le sedi. Le capacità personali dovrebbero sempre essere utilizzate e quindi essere evidenziate in un’analisi anche esattamente.

  • Quali sono i suoi vantaggi?
  • Dove sei in vantaggio?
  • In quali aree sviluppa più ambizione di altre?

In particolare, l’ulteriore sviluppo rimane un tema costante. Per questo mi piace paragonarlo al campo di calcio, alle semplici e senza meta partite di calcio tra amici e ragazzi. Se hai giocato a calcio da piccolo, diventare un manager di calcio non ti sembrerà un lavoro in seguito. Anche se a volte devi passare attraverso 16 o 18 ore, sembra un buon gioco ma non come un lavoro. Quello che fai, ti piace farlo. Ecco perché la passione è così importante per il tuo successo imprenditoriale. Chiedete a voi stessi: In quale area sto sviluppando l’ambizione, più di chiunque altro?

Essere presenti è tutto: regola dell’imprenditore

Una regola semplice e allo stesso tempo elementare che ho imparato io stesso è: stare sulla palla. Essere/stare con esso è tutto! Se ti arrendi troppo presto – il dubbio ti arriverà ogni mese – hai già perso, anche se i tempi semplicemente non erano maturi. Un altro anno o due e la grande svolta sarebbe arrivata. L’unico grande cliente, l’estensione assolutamente innovativa, l’improvviso clamore della stampa, una celebrità che parla della tua idea di business, innumerevoli possibilità che possono rendere un business redditizio da un giorno all’altro, anche se prima ne dubitavi.

Siete indipendenti, voi stessi e costantemente

Suggerimento. Elimina sempre la parola “uomo” dal tuo vocabolario nella tua mente. Molto spesso tendiamo a dire su tutto: “potevi farlo meglio”, “potevi strutturarlo meglio”. Proiettiamo sempre il nostro comportamento sul pubblico. Questo può essere vero, ma nel senso imprenditoriale non c’è un pubblico generale, ma tu come decisore. “Avrei potuto farlo meglio”, “avrei potuto strutturarlo meglio”. Questo piccolo gioco mentale ti ricorda sempre che sei tu al comando.

Tornando all’idea, essere presenti è tutto, basta stare sulla palla. Se continuate a lavorare continuamente sul progetto, costruirete anche continuamente nuovi clienti, nuovi canali di vendita e di conseguenza, senza vendite aggiuntive, alla fine arriverete alle cifre nere pianificate da tempo. Più vendite, più dipendenti, il doppio delle vendite, ancora più dipendenti, quattro volte più vendite. Improvvisamente la curva sale molto velocemente, idealmente in modo esponenziale. Poiché la curva sale leggermente in modo esponenziale per la maggior parte delle aziende, l’uscita non dovrebbe mai essere troppo presto. La perseveranza, l’ambizione e la fiducia in se stessi, per quanto possa sembrare banale, è la base per tutto ciò che segue.

Sistemato questo, ora possiamo passare all’idea di business. Accanto al fondatore, il secondo pilastro del business.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *